Home / Cosa vedere / Cosa vedere a Carpi
Cosa vedere a Carpi

Cosa vedere a Carpi

Carpi è un comune nella provincia di Modena, in Emilia-Romagna, che conta più di 71.000 abitanti, il che lo rende il comune più popoloso dopo il capoluogo. Per arrivarvi occorre percorrere circa una ventina di chilometri, partendo da Modena e dirigendosi in direzione nord-ovest. 

Sebbene non sia molto conosciuto, il comune di Carpi offre diversi monumenti che meritano una visita: andiamo a conoscerli!

Museo monumento al deportato politico razziale

Si tratta di un museo interamente dedicato alla deportazione e ai campi di concentramento nazisti, tanto più che a Carpi è molto viva la memoria di questi per via della frazione comunale di Fossoli, nota per esser stata sede di un campo di concentramento nel periodo nazifascista. 

Il museo è stato inaugurato nel 1973 ed è strutturato in modo tale da creare un’atmosfera di grande impatto emotivo sul visitatore; inoltre, alle pareti vi sono frasi tratte da Lettere dei condannati a morte della Resistenza europea, di Nello Risi. 

carpi

Castello dei Pio

Il castello, o palazzo, si trova nel cuore della Carpi medievale ed era la residenza dell’omonima famiglia. Si tratta di un complesso di edifici costruiti tra l’XI e il XII secolo, che comprende l’uccelliera, la torre del Passerino, la facciata centrale, le stanze del vescovo, la torre dell’orologio, il torrione degli Spagnoli, le rocche vecchia e nuova. 

Ad oggi, ospita l’archivio storico della città e alcuni musei. Molto suggestivi sono i porticati che circondano il cortile interno, gli affreschi rinascimentali della facciata esterna, i pinnacoli e la Torre dell’Orologio, che appare ispirata al castello estense ferrarese.

Piazza dei Martiri

La Piazza dei Martiri è attorniata dal Palazzo dei Pio, da case porticate e dalla Cattedrale dell’Assunta, riuscendo così a concentrare attorno a sé le sedi del potere politico, economico e religioso della città. Nei secoli scorsi, la piazza era sede di numerose attività mercantili e commerciali, alcune delle quali sono state mantenute fino ai nostri giorni.

Attualmente, la piazza, dalla forma rettangolare e molto sviluppata in lunghezza, appare monocroma a causa degli edifici interamente in cotto; un tempo, però, essa doveva essere veramente vivace grazie agli affreschi che coloravano tutti i palazzi. 

Basilica di Santa Maria dell’Assunta

Si tratta della Cattedrale della città, nonché del Duomo. Merita una visita poiché, oltre alla splendida facciata barocca e i dipinti della cappella, la Chiesa contiene tre navate e vede derivare la sua progettazione da San Pietro in Vaticano.

Cerca anche

Abruzzo benessere: rilassarsi tra terme e SPA

Non solo mare, montagna e colline; l’Abruzzo si presenta sempre più come una regione tutta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *