Home / Cosa vedere / La Valmarecchia
valmarecchia

La Valmarecchia

La Valmarecchia è situata nell’entroterra di Rimini ed è attraversata dal fiume Marecchia. E’ una valle che oltre ad offrire un paesaggio e un panorama mozzafiato, sapori e ospitalità, mantiene un forte legame con la sua storia, le tradizioni contadine e i mestieri di una volta. Comprende vari comuni come Santarcangelo, Verucchio, Pennabilli, San Leo, Torriana, Talamello e Badia Tebalda. Si parte da Santarcangelo, borgo di origini romane con le sue grotte da visitare assolutamente perché, hanno una forma architettonica molto particolare e di cui non si conoscono ancora le origini. Il simbolo della città è il campanone con i suoi 25 metri di altezza. Da non perder anche la porta Cervese, costruita nel medioevo e la chiesa Collegiata, progettata dall’architetto Buonarroti, in cui sono custodite opere di grande valore come il Crocefisso, San Giuseppe e San Eligio del Cagnacci. Sulla piazza Ganganelli spicca l’ Arco Trionfale eretto in onore di papa Clemente XIV.

Si continua con Verucchio che si caratterizza per la sua Rocca costruita su una roccia, ossia la Culla del Malatesta. Arrivando qui si può assistere ad un panorama infinito senza eguali. Ma Verucchio offre anche il Museo Civico Archeologico e il convento francescano noto per il suo cipresso che San Francesco ha piantato nel momento del suo passaggio. Continuando il viaggio per la Valmarecchia si arriva a Torriana con le sue Rocche Malatestiane, costruite in era medievale che servivano come sbarramento sulla valle. A Torriana si trova anche un’oasi naturalistica spettacolare in cui sorge il Santuario della Madonna di Saiano, situato sulla punta di una roccia a ridosso del fiume Marecchia. Si prosegue con San Leo e la sua Fortezza. Nelle sue celle fu rinchiuso e morì il famoso alchimista Alessandro Balsamo Conte di Cagliostro, ossia colui che ipnotizzava le persone con uno sguardo.

Da visitare anche Palazzo Nardini o oratorio di San Francesco. In questo luogo, una leggenda narra che San Francesco incontrò Conte Orlando De Cattani che gli diede tutti i suoi possedimenti sul monte della Verna. In paese si trova la fontana di San Francesco e la chiesa di Sant’Igne in cui è custodito un pezzo del tronco su cui San Francesco si sedette e ricevette da un santo fuoco le indicazioni per raggiungere San Leo. L’attrazione più suggestiva di questo bellissimo borgo sono i Balconi di Piero della Francesca che si trovano nel Parco Belvedere. Una distesa di natura spettacolare da cui è possibile ammirare panorami unici. Il viaggio di Valmarecchia si conclude con Pennabilli, conosciuta grazie al suo poeta e cultore della bellezza Tonino Guerra,. A Pennabilli è possibile visitare un museo dedicato interamente a lui. Molto bello anche il museo I luoghi dell’anima con opere sparse per tutta la città e una buona parte della Valmarecchia.

Cerca anche

cesena

Cosa vedere a Forlì-Cesena

Situate in una posizione strategica, al centro della Romagna, attraversate entrambe dalla Via Emilia che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *